latte-proprietà latte-valori nutritivi latte-prodotti derivati latte
ALIMENTI,  CIBO E SALUTE

LATTE

LA BEVANDA DI TUTTI

Il primo alimento con cui veniamo nutriti fin dalla nascita è il latte. Nei primi 4-5 mesi di vita quello materno è il più adatto e consigliato, ma ne esistono molti altri anch’essi importanti nelle abitudini alimentari delle persone di qualsiasi età. C’è quello di mucca, di pecora, di bufala, di lama e di tanti altri tipi, tutti diversi per composizione.

Il latte è prezioso per noi perché ricco di proteinegrassiminerali, vitamine e di “zucchero del latte (il lattosio). Tutte sostanze che gli conferiscono un alto valore nutritivo. Una caratteristica importante è l’alto contenuto di calcio, utile per denti, ossa e muscoli. Questo minerale è molto adatto soprattutto a bambini e anziani i quali sono spesso soggetti a fragilità ossea.

Ma va sottolineato che tra tutti i componenti manca il ferro e la vitamina C. Inoltre è povero di grassi insaturi, quindi di acidi grassi essenziali importanti per il nostro organismo.

IL MERCATO E I SUOI DERIVATI

Attorno a questa bevanda si è creato un intero mercato, che attraverso trattamenti e complessi procedimenti industriali rende questo prodotto più accessibile e pronto da consumare, ma viene anche impoverito di alcune sostanze essenziali.

Tuttavia anche grazie a queste lavorazioni si garantisce un prodotto nutriente e sicuro poiché prima della sua commercializzazione il latte viene analizzato per misurane la freschezza, il sapore, l’acidità e l’eventuale presenza di sostanze pericolose per la salute.

TIPI DI LAVORAZIONE DEL LATTE

A seconda della lavorazione a cui viene sottoposto, esso assume delle caratteristiche e proprietà diverse :

  • PASTORIZZAZIONE: questo primo procedimento consiste nel riscaldare il prodotto fino ad una temperatura di 70/80° per pochi secondi e poi lo si raffredda subito. Questo permette di prolungare la conservazione (3 giorni) e l’eliminazione di eventuali bacilli patogeni.
  • OMOGENEIZZAZIONE: con il quale il latte viene portato ad una temperatura di 4° frantumando ancora di più le gocce di grasso fino a farle diventare piccole. Al fine di renderlo più digeribile e con questo procedimento si elimina eventuali odori sgradevoli.
  • STERILIZZAZIONE con questo procedimento si scalda il latte ad alte temperature (140° ) per aumentare ulteriormente la conservazione (a 3 mesi e più), ma vanno perdute parte delle vitamine B termolabili e di proteine. Trattandolo così il latte può essere disponibile ovunque e in qualsiasi stagione, ma comunque una volta aperta è soggetto ad alterarsi quindi è meglio conservarlo in frigo. I prodotti che subiscono questo trattamento  li riconosci dalla dicitura “UHT” ( Ultra Hight Temperature).
  • SCREMATURA: in questo caso si centrifuga il latte eliminando parzialmente o quasi totalmente i grassi, ma anche le vitamine A e D poiché liposolubili rimangono nel grasso scartato. A seconda del livello di scrematura a cui viene sottoposto nel commercio troviamo 2 tipi di latte. Il primo parzialmente scremato con contenuto di grasso dal 1% all’1,8% e il secondo è il latte scremato o magro con un livello di grasso inferiore allo 0,5%.

DERIVATI

Oggi troviamo abbondanti nelle nostre tavole anche i derivati come lo yogurt con una composizione simile, ma invece del lattosio c’è l’acido lattico, che lo rende più digeribile rispetto al latte ed aiuta la flora batterica intestinale.

Altro derivato è il burro, prodotto dalla lavorazione della crema del latte, è molto ricco di grassi saturi infatti per legge deve avere un livello di grasso non inferiore all’82% e nel rimanente 18% troviamo acqua, proteine, sali minerali e zuccheri.

derivati del latte-cosa mangiare-coach del benessere-latte-alimenti

Infine abbiamo i formaggi, uno degli alimenti più consumati per diversità di gusti e stagionatura. Comodo in cucina perché in genere non ha bisogno di essere cotto e si sposa molto bene con diverse ricette.
Il formaggio ha un gran valore nutritivo, infatti è ricco di proteine e di grassi, oltre ad essere un ottima fonte di calcio. A differenza del latte, il formaggio ha un più lungo periodo di conservazione.

Tuttavia bisogna stare attenti nel caso in cui si soffra di pressione alta! A causa del contenuto del cloruro di sodio e di tiramina presenti soprattutto nei formaggi fermentati (camembert, gorgonzola e pecorino).

Insomma il mercato è sostenuto da un’ampia produzione che ci rifornisce di tanti prodotti per tutti i gusti ed esigenze. Non dobbiamo più avere la mucca a casa per poter gustare questo prezioso e nutriente prodotto ed allo stesso tempo siamo certi della sua sicurezza.

NON RINUNCIATE AL LATTE

Molte persone trovano il latte indigesto, perché crescendo si tende a diventare più intolleranti. Ciò accade perché perdiamo la capacità di produrre un enzima, chiamato rennina, il quale scompone il lattosio permettendone la digestione. Malgrado ciò non bisogna escluderlo totalmente dalla dieta, quindi cerca di assumerne in piccole quantità e con il tempo di aumentare le dosi in modo da riacquistare la capacità di stimolare la formazione degli enzimi utili alla digestione.

A seconda delle esigenze occorre scegliere il latte giusto per noi:

  • Dal punto di vista del contenuto nutrizionale è preferibile il latte intero e pastorizzato.
  • Per motivi dietetici e di digestione è meglio consumare quello parzialmente o totalmente scremato, per il loro basso contenuto di grassi.

Ma ricorda! Qualsiasi tipo di latte tu scelga, non scaldarlo fino alla bollitura, perché perderebbe parte delle sostanze preziose!

I consigli del Coach

Tutti sappiamo che il latte è una importante fonte di calcio, ma non tutti possiamo gustarlo senza subire alcuni fastidiosi effetti come alitosi, crampi addominali o dissenteria.

Il calcio è un minerale importante per la nostra salute ma è difficile da assumere e da assimilare, perché presenti in alimenti non ancora così “popolari” nelle nostre tavole come i semi di lino, di sesamo o di chia. 

Esistono altre fonti naturali come i broccoli, legumi e mandorle ben più usati, ma non così ricchi di vitamina D utile ad assimilare meglio il calcio.

Per arricchire la tua dieta di questo prezioso nutriente puoi anche usare degli integratori alimentare.

Herbalife propone Xtra – Cal! Un integratore alimentare con alti valori nutritivi di calcio, vitamina D, magnesio, zinco e rame. 

infografica-tipi di latte-latte-grassi del latte-coach del benessere
infografica-valori nutritivi latte-latte-cosa magiare-dieta-nutrizione-calorie-lipidi-proteine-carboidrati-calcio-coach del benessere

FONTE :

  1. RAGAZZI A TAVOLA ! dal grano al cacao storia e curiosità dei principali alimenti dell’uomo / Manuela Stafani
  2. TUTTO CIO’ CHE E’ UTILE SAPERE SULL’ALIMENTAZIONE / starbene
  3. ALIMENTAZIONE BENESSERE / Maria Anna Rosei ; Silvana Lampariello Rosei
  4. CHIMICA E TECNOLOGIA DEL LATTE / Cesare Corradini
Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE