additivi alimentari-cosa mangiare-coach del benessere-dieta-nutrizione
ALIMENTI,  CIBO E SALUTE

ADDITIVI ALIMENTARI: Cosa sono e quali troviamo nel nostro cibo?

COSA SONO GLI ADDITIVI ALIMENTARI

Il Regolamento (CE) n. 1333/2008 stabilisce che:

“qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti, con o senza valore nutritivo. La cui aggiunta intenzionale ad alimenti per uno scopo tecnologico nella fabbricazione, nella trasformazione, nella preparazione, nel trattamento, nell’imballaggio, nel trasporto o nel magazzinaggio degli stessi, abbia o possa presumibilmente avere per effetto che la sostanza o i suoi sottoprodotti diventino, direttamente o indirettamente, componenti di tali alimenti”.

Quindi per ADDITIVI ALIMENTARI si intendono quelle sostanze, normalmente non consumate come alimento e prive di valore nutritivo. Queste vengono aggiunte ai cibi, in qualsiasi fase della lavorazione, per conservarli il più tempo possibile e/o darne particolari caratteristiche all’aspetto, sapore, odore o consistenza.

PERCHE’ VENGONO USATI

Per approfondire meglio il PERCHE’ VENGONO USATI il Regolamento Europeo (CE) n. 1333/2008 ne elenca 27 motivi, divisi in 2 allegati. 

Gli additivi vengono aggiunti nella fase di produzione, trasformazione, preparazione, trattamento, imballaggio, trasporto e immagazzinamento dei prodotti. Questo aumento dell’impiego si è esteso negli anni a causa dell’evoluzione tecnologica e del cambiamento delle abitudini alimentari. Infatti al giorno d’oggi grazie all’utilizzo di queste sostanze è possibile produrre e distribuire i prodotti anche in aree molto distanti tra loro e in tutta sicurezza.

CLASSIFICAZIONE E NORME

Gli additivi alimentari per essere autorizzati devono rispettare dei requisiti di purezza richiesti nel Regolamento (UE) n 231/2012. Infatti ogni sostanza è soggetta al riesame dell’EFSA (European Food Safety Authority) un’organizzazione che ne valuta la sicurezza prima della loro autorizzazione.

Inoltre la legge europea:

  • prevede che nella lista degli additivi autorizzati vengano indicati i campi d’impiego e le dosi massime;
  • obbliga a riportare sull’etichetta gli additivi utilizzati, con il suo nome scientifico o con la sigla E (Europa) seguita da 3 cifre.

Per quanto riguarda l’Italia, la tabella autorizzata dal ministero della salute segue il CRITERIO DELLA LISTA POSITIVA. Quindi gli additivi riportati sono stati oggetto di studi che ne escludono la nocività per garantire la sicurezza dei consumatori.

Qui di seguito troverai la tabella con la classificazione di alcuni degli additivi.

Per l’elenco completo clicca il link (il testo però è in continuo aggiornamento).

CATEGORIA

FUNZIONE

ELENCO ADDITIVI

COLORANTI

sostanze che danno colore ad un’alimento o ne ridanno la colorazione originaria.

COLORANTI ARTIFICIALI

E102 Tartrazina

E104 Giallo di Chinolina

E124 Rosso Cocciniglia A

E131 Blu patent V

E142 Verde acido brillante BS

E151 Nero brillante BN

COLORI NATURALI

E120 Cocciniglia

E140 Clorofilla

E160 Carotenoidi

E161 Xantofille

E162 Rosso di barbabietola 1

E163 Antociani

COLORANTI RISERVATI ALLA SUPERFICIE

E173 Alluminio

E174 Argento

E175 Oro

CONSERVANTI

sostanze che aumentano la durata di conservazione, proteggendo il cibo dal deterioramento e da agenti patogeni.E200 a E203: Acido sorbico e sali

E210 a E213: Acido benzoico e sali

E214- E215: Paraidrossibenzoato di etile e sali

E216- E217: Paraidrossibenzoato di propile e sali

E218-E219: Paraidrossibenzoato di metile e sali

E220 a E228: Anidride solforosa e sali

E230: Difenile

E231-E232: Ilfenolo e sali

E233: Tiabendazolo

E234: Nisina

E236: Acido formico

E239: Esametilentetramina

E249-E250: Nitriti

E251-E252: Nitrati

E260-E263: Acido acetico, lattico

E270, E280 a E283: Propionico e sali.

ANTIOSSIDANTI

proteggono i cibi dall’ossidazione, quindi dall’irrancidimento e dalla variazione di colore.E300 a E302: Acido ascorbico e sali

E306 a E309: Tocoferoli

E310 a E312: Gallati

E320: Butilidrossianisolo

E321: Butilidrossitolvene

E322: Lecitine

E270 a E279, E320 a E329: Lattati

E330 a E333: Acido citrico e sali

E334 a E337: Acido tartarico e sali

ADDENSANTI

aumentano la densità del prodotto.E400 a E404: Acido alginico e sali

E406: Agar-Agar

E407: Carragenani

E410: Farina di semi di carrube

E412: Farina di semi di guar

E413: Gomma adragante

E414-E415: Gomma arabica e xantharano

E440 (i): Pectina

E440 (ii): Pectina amidata

E450 a,b,c: Fosfati

E422: Glicerolo

E460 a E466: Cellulosa e derivati

E471-E472: Mono e digliceridi degli acidi grassi

EMULSIONANTI

sostanze che permettono la miscelazione di 2 o più alimenti in modo omogeneo (anche quelli non miscibili come l’olio e acqua)

ESALTATORI DI AROMA

sostanze che aumentano il sapore, già esistente di un prodotto alimentare.E620 a E623: Glutammati

E626 a E629: Guanilati

E630 a E634: Inossinati

EDULCORANTI

danno un sapore dolce agli alimenti.E420: Sorbitolo

E421: Mannitolo

E953: Isomalto

E965: Maltitolo

E966: Lattotolo

E967: Xilitolo

E950: Acesulfame K

E952: Ciclammati

E954: Saccarina

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE